Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog

#neige #snow #la #merveille de la niege Una antica leggenda tedesca narra che nevica quando la #dea Hanna rifà il suo letto al mattino Una leggenda vecchia di secoli #leggenda #legend #dea #goddess #secoli

Leggi i commenti

#maredelnord #neve #nebbia

Leggi i commenti

LE SOCIETA' LUCRATIVE E LO SPORT a cura di...

Leggi i commenti

https://t.co/IXkuXka5Vr

Leggi i commenti

#terzosettore #como #convegno #formazione #lapet #palazzoregionelombardia #como

Leggi i commenti

LE SOCIETA' LUCRATIVE E LO SPORT a cura di @arrighikatia e @bulgheronialessandra

Mi piacciono le società lucrative in ambito sportivo. Possono finalmente mettere pace ad alcune situazioni in cui, oggettivamente, si svolge una attività sportiva non ai fini sociali ma ai fini puramente commerciali. 

Ho espresso questo parere più volte alla @bulgheroni che, dal canto suo, mi ha più volte espresso il suo parere contrario, adducendo che la base dello sport in Italia è il volontariato e l'associativismo.  Nulla da eccepire al riguardo: conosco e conosciamo centinaia di realtà bellissime dove realmente lo scopo è la promozione dello sport soprattutto nei confronti di minori, altre dove si fa sport ai fini agonistici e il vivaio dei minori è importantissimo. Ma ci sono realtà dove questo non avviene e non muore nessuno ad ammetterlo. 

Io ad esempio sono iscritta a una palestra, in teoria una srl sportiva dilettantistica, che non segue in nessun modo la normativa in tema di srl dilettantistiche, o perlomeno le addette alla reception hanno delle idee confuse quando danno informazioni al cliente. Ma io ci vado perchè ogni tanto ho voglia di scaricare il nervoso o nell'eterno tentativo , fallito, di perdere peso, non certo per fare promozione allo sport o fare di me un agonista. "Diamo a Cesare ciò che è di Cesare", diceva qualcuno: esistono realtà dove lo sport si fa ai fini di lucro, e questa riforma è perfetta per mettere mano alla situazione, con buona pace di chi dice il contrario. 

Finalmente si cristallizza che: 

  1. esistono le realtà sportive  dilettantistiche pure;
  2. esistono le realtà sportive lucrative, pure ; 

e si toglie il grigio del "mezzo" che c'è in giro. 

Un soggetto può decidere di operare in ambito dilettantistico, puro, ovvero costituire una realtà a scopo lucrativo, puro. Trovo la decisione perfetta, al fine di un processo di ammodernamento del settore sportivo. 

Saranno operative dal 2018 e avranno benefici sia fiscali che lavoristici: ed è corretto anche questo perchè , oggettivamente, pur facendo lucro svolgono una attività fondamentale  permettendo alle persone di fare sport. 

E' prevista l'obbligatorietà di una serie di prescrizioni nello statuto sociale, al fine di garantire che venga svolta effettivamente attività sportiva dilettantistica, con previsione di vincoli statutari. Al recepimento di tali vincoli derivano poi agevolazioni sia fiscali che lavoristiche sulle quali torneremo nei prossimi giorni . 

 

@arrighikatia

@bulgheronialessandra

 
 
 
 

Leggi i commenti

INNALZAMENTO LIMITE COMPENSI ISTRUTTORI SPORTIVI a cura di @massimiliano zito

Da istruttore sportivo apprendo con sorpresa l'innalzamento del limite massimo di esenzione contributiva e fiscale, fissato in 7.500 euro, a 10.000,00 euro. 

Sull'argomento ci siamo confrontati e ne abbiamo discusso a lungo come @consulentidellosport , facendo scaturire anche fra di noi punti di vista differenti al riguardo. 

Ma, scevri da ogni considerazione personale, giova ricordare che si tratta di una disposizione normativa e come tale deve essere applicata, senza grossi sè o ma. 

Sull'argomento "sport" e " fiscalità in ambito sportivo" si spendono fiumi di parole e ogni commentatore è solito scrivere o dichiarare il proprio punto di vista: ma ci si arena ad ogni commento nell'esatto momento in cui una previsione trova luogo in una disposizione normativa. 

Il mondo dello sport ha bisogno di essere "aiutato" e permettere la de contribuzione e defiscalizzazione piena di compensi corrisposti agli istruttori è un vantaggio di non poco conto. Sul punto il reale malessere non è tanto l'incentivo dato a chi opera nel mondo sportivo, ma l'enorme e sproporzionato costo del lavoro in capo a chi non fa parte di questo settore. 

Ci sono nel nostro ordinamento lavoristico costi in capo alle aziende, per quanto riguarda gli operai, che sfiorano il 120 per cento di costo in più rispetto al netto corrisposto ai dipendenti, comprensivo di contribuzione Inps, Irap, tassazioni varie ecc. E' inutile negare che tali costi , in capo a soggetti operanti nell'ambito sportivo, porterebbero alla chiusura immediata di molte realtà che hanno fatto, e fanno , attività sociale. 

Abbiamo seguito interessanti convegni e sentito molte discussioni al riguardo; secondo taluni si fa di questo tipo di inquadramento un "abuso", mentre secondo altri è una "stortura del sistema perchè i contributi vanno pagati". 

Lasciando ogni considerazione ai dotti commentatori, noi prendiamo semplicemente atto e comunichiamo che il limite da 7.500,00 annui viene innalzato a 10.000,00 euro annui, applicabile alle figure rientranti nell'ambito sportivo. 

Su questo aspetto ci sarà ancora da discutere parecchio: chi sono le figure operanti in ambito sportivo? quelle previste dalle singole Federazioni? e se la risposta è si come potremmo mai giustificare ( come previsto in una Federazione) che si possa considerare destinatario di tale regime un soggetto che di lavoro fa il manutentore? 

Su questi aspetti torneremo , nel frattempo, un breve riassunto sulla situazione: 

La Legge di Bilancio 2018, definitivamente approvata e in corso di pubblicazione in GU, prevede l'aumento del tetto per l'esenzione per compensi di attività musicali e attività sportive da 7.500 euro a 10.000. In particolare il comma 367 lett.b dell'unico articolo della Legge di Bilancio 2018, eleva da 7.500 a 10.000 euro l’importo che non concorre a formare il reddito imponibile delle indennità, dei rimborsi forfettari, dei premi, dei compensi, erogati ai direttori artistici ed ai collaboratori tecnici per prestazioni di natura non professionale nonchè di quelli erogati nell'esercizio diretto di attività sportive dilettantistiche. 

Una precisazione doverosa e finale: nei confronti di attività sportive dilettantistiche, quindi le neonate srl lucrative sportive non potranno beneficiare di tale agevolazione. 

 

@massimilianozito 

www.consulentidellosport.it 

 

Leggi i commenti

Nous vous souhaitons un joyeux noël #noel #noël #natal #natale #cristhmas #weihnachten

Leggi i commenti

Nous vous souhaitons un joyeux noël

Leggi i commenti

#rosso #natale2017 #colore #nellavitacivuolecolore

Leggi i commenti

Pubblicato da Instagram

Leggi i commenti

Pubblicato da Instagram

Leggi i commenti

1 2 3 > >>
Su