Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog

La scelta di qualcosa di goloso da sempre serenità #dolci #dolcilight #gelato #yogurt #mammafelice #mammahofame @Como, Italy

Leggi i commenti

Premiazioni a Fino Mornasco. @Fino Mornasco

Leggi i commenti

#comonuoto1919 #nuoto #99 # 99annidistoria #anni #storiacontemporanea @Como, Italy

Leggi i commenti

xiv trofeo città di Como. #fin #nuoto #gare#game #spettacolopuro #spettacolare @Piscina Olimpica Comunale Centro FIN Como

Leggi i commenti

Il presidente dell' associazione in cui io facevo ginnastica decenni e decenni fa. #ginnastica #ricordi😍 #trave #artistica #presidentes #dioquantoerogiovane @Fino Mornasco

Leggi i commenti

BANDO PROVINCIA DI VARESE - interventi a sostegno di eventi e manifestazioni di natura turistico - sportiva

BANDO A SOSTEGNO DI EVENTI E MANIFESTAZIONI DI NATURA TURISTICO - SPORTIVA IN PROVINCIA DI VARESE

 

 

 

Scadenza: 31/05/2018

 

Ente finanziatore: Camera di Commercio di Varese

Soggetti ammissibili:

non-profit | profit |

Possono presentare domanda soggetti organizzatori di eventi e manifestazioni di natura turistico-sportiva ed in particolare: 

  • associazioni e società sportive dilettantistiche, federazioni sportive, comitati organizzatori e altri soggetti comunque senza scopo di lucro aventi nel proprio statuto/atto costitutivo finalità sportive, ricreative e motorie

Obiettivi:

Nell’ambito delle attività di promozione dell’attrattività turistica, realizzate anche per il tramite della Varese Sport Commission, la Camera di Commercio seleziona eventi e manifestazioni di natura turistico-sportiva, in grado di generare importanti ricadute turistiche sul territorio, a cui dare un contributo finanziario, secondo le modalità previste dal presente regolamento.
Sono pertanto premiati gli eventi che contribuiscono, da una parte, ad aumentare la visibilità ed attrattività del territorio varesino anche grazie al rilievo mediatico e, dall’altra, fanno registrare rilevanti presenze turistiche grazie ad un’ampia partecipazione di atleti e pubblico soggiornanti nelle strutture locali.

Sono ammessi eventi e manifestazioni di natura turistico-sportiva che si svolgeranno nel periodo tra il 1° aprile 2018 - 30 aprile 2019, realizzati in provincia di Varese, in grado di generare ricadute sul tessuto ricettivo-turisticocommerciale, idonei a incentivare il soggiorno sul territorio varesino e la scoperta delle sue risorse turistiche.

Sono considerate ammissibili esclusivamente le spese di ospitalità (alloggio in strutture alberghiere, ristorazione, trasporto) sostenute dagli organizzatori per atleti, allenatori, istruttori, tecnici, arbitri, giudici di gara, personale sanitario e parasanitario (con esclusione di quelle riferite al personale dipendente del soggetto beneficiario e quelle degli eventuali altri partner della manifestazione) e le spese di promozione dell’evento stesso (campagna promozionale e pubblicità).

Budget complessivo:
100.000,00 euro

Contributo:

Il premio viene erogato sulla base del punteggio ottenuto dal progetto. 

fascia A (punteggio da 90 a 100): fino a 10.000 euro
fascia B (punteggio da 70 a 90): fino a 5.000 euro
fascia C (punteggio da 50 a 70): fino a 3.000 euro

Territorio: Provincia di Varese

Link: http://www.va.camcom.it/index.phtml?Id_VMenu=77&Id_Contributo=229

Leggi i commenti

I requisiti nel mondo dello sport , aggiornati al 02/05/2018 @arrighikatia @massimilianozito

Il rientro dal lungo ponte da modo di soffermare l'attenzione sulla recente Ordinanza della Corte di Cassazione, depositata in data 30 aprile u.s., numero 10393.

Il tema centrale della Ordinanza riguarda i requisiti considerati "necessari " da parte della Corte al fine di potere beneficiare delle agevolazioni fiscali. 

Sul punto abbiamo già più volte scritto o siamo più volte intervenuti, soprattutto in accesa presa di posizione verso coloro i quali, anche operatori nel settore hanno sempre dichiarato " l'importante è che l'associazione sia iscritta al Coni. Il resto non conta". 

In realtà non è cosi adesso, cristallizzato dalla Corte, ma non era cosi neppure prima dell'Ordinanza. 

Condizione fondamentale per potere beneficiare delle agevolazioni fiscali per una associazione sportiva è , in prima istanza e fondamentale, l'iscrizione al Registro Coni. Iscrizione che sta assumendo in questo periodo una connotazione sempre più precisa, fugando dubbi di presunte appartenenze al mondo sportivo di realtà associative che avevano, oggettivamente, poco a che fare con lo sport. 

Durante in convegni in giro per l'Italia raccontiamo sempre della nostra esperienza in associazioni sportive costituite come scuole di danza dove in realtà si nascondevano locali per scambisti, o tentatiti di fare passare per associazioni sportive realtà operanti nell'estetica, come un club in cui si praticava la ricostruzione delle ciglia " in velocità", al fine di garantire l'agonismo. Finalmente l'appartenenza al Con verrà prevista solo per quelle realtà dove lo sport viene praticato "sul serio".

Ma, e lo conferma la Cassazione, con buona pace di tutti, la semplice iscrizione al Coni non è sufficiente per " certificare" l'esistenza di un sodalizio puro. 

Nessuno discute sulla esistenza di una attività sportiva, laddove vi sia reale iscrizione al Registro Coni, ma questo non comporta necessariamente la sussistenza di una reale associazione perchè, e lo prevede anche la legge, nessuno impedisce di praticare sport anche a livello commerciale. 

La Corte specifica che è necessario: 

  1. svolgere effettivamente attività sportiva dimostrabile con manifestazioni sportive;
  2. avere i libri sociali compilati ;
  3. dimostrare a tutti gli effetti di avere provveduto alla convocazione delle assemblee;
  4. avere dei regolamenti interni sportivi;
  5. dichiarare a tutti i soci che sono tali, non clienti ;
  6. usare nella corrispondenza la dicitura " associazione sportiva " in luogo a "club" ( non aggiungiamo anche in luogo a "onlus", ricordando che le onlus in ambito sportivo sono cosa differente rispetto alle semplici associazioni sportive. 

Importante è , e lo conferma la Corte, avere una reale vita associativa, una base associativa e una partecipazione sociale alla attività sportiva. 

Il sottile margine di distinzione fra un sodalizio sportivo che non riesce a dimostrare una reale base associativa e una realtà commerciale è talmente sottile da essere quasi invisibile: durante gli accertamenti viene richiesta l'iscrizione al Coni, in prima battuta, ma la domanda successiva è : riuscite a dimostrare l'attività associativa? 

Rispondere " si " o "no" a questa domanda fa derivare differenze sulla prosecuzione dell'accertamento. 

 

Ci sono ulteriori punti della Ordinanza meritevoli di attenzione, sui quali torneremo nei prossimi giorni , come il pericolo dei messaggi pubblicitari e delle quote differenziate. 

 

@arrighikatia

@massimilianozito

Leggi i commenti

Bordo campo durante un clinic a Ostia mentre il grande Capobianco spiega agli allenatori la metodologia dell' allenamento verso i ragazzi. C' è un ragazzo che supera i due metri . Gli auguro un bellissimo futuro nella pallacanestro. #giovani #giovanitalenti #sport #pallacanestro #clinic #futuro #speranze #speranzeesogni

Leggi i commenti

#clinic #pallacanestro #roma #palestra #basket #clinic a Ostia per la pallacanestro . Formazione fiscale @Ostia Beach

Leggi i commenti

Pubblicato da Instagram

Leggi i commenti

LEGGE REGIONALE REGIONE LOMBARDIA SULLO SPORT @arrighikatia @bulgheronialessandra

Ci viene spesso chiesto che caratteristiche e che attestati debbano avere gli istruttori che lavorano in ambito sportivo: 

  1. tutti possono fare l'istruttore?
  2. ci vogliono qualifiche particolari? 

La disciplina specifica è contemplata nelle Leggi regionali di riferimento. 

Per quanto riguarda Regione Lombardia, il riferimento normativo è : 

L.R. n. 26 del 1-10-2014 Regione Lombardia

La legge regionale analizza, con particolare attenzione, quelle che devono essere le qualifiche possedute da coloro i quali operano in ambito sportivo, rendendo obbligatorio almeno il conseguimento di una abilitazione specifica da parte di una Federazione o d un Ente Sportivo riconosciuto dal Coni. 

Questo ha creato, e continua purtroppo a creare, fonte di confusione riguardo a tutti quegli attestati ( perfavore non chiamiamoli diplomi o certificazioni) rilasciati da enti che non sono nè Federazioni nè Enti di Promozione sportiva ( si parla in questo caso di fantomatiche federazioni o associazioni che in realtà sono, a tutti gli effetti, enti di secondo livello Coni, non ammissibili ).

Anche sulla validità dei corsi e degli attestati rilasciati da Federazioni o Enti è necessario porre attenzione sulle loro validità, per evitare di cadere nelle trappole delle "conversioni dei titoli" promosse da alcuni soggetti operanti nel settore. 

Un titolo rilasciato da un Ente ha validità piena all'interno dell'Ente stesso, ma solo dell'Ente stesso. 

La Legge Regionale prevede espressamente che per lo svolgimento di attività motorie e sportive, tenute a fronte del pagamento di corrispettivi a qualsiasi titolo anche sotto forma di quote sociali di adesione, devono essere svolti da istruttori qualificati o da istruttori di specifica disciplina , responsabili della corretta conduzione dell'attività motoria o sportiva. 

Devono essere considerati istruttori qualificati i soggetti in possesso di : 

  1. diploma rilasciato dall'Istituto Superiore di Educazione fisica o laurea in scienze motorie ( attenzione : i diplomi possono essere rilasciati dalle scuole, non dagli enti, che rilasciano invece attestati di partecipazione al corso).
  2. titoli di studio equipollenti conseguiti all'estero e riconosciuti dallo stato italiano.
  3. ovvero istruttori di specifica disciplina in possesso di corrispondente abilitazione rilasciata dalle Federazioni sportive nazionali o dalle discipline sportive associate o dagli enti di promozione sportiva riconosciute dal Coni.
  4. ovvero istruttori di specifica disciplina in possesso di corrispondente abilitazione rilasciata dal Cip;
  5. ovvero i maestri di sci;
  6. ovvero le guide alpine e gli accompagnatori di media montagna.

Sulla differenza terminologica nell'uso dei termini: diploma, attestazione, certificazione, ci siamo già soffermate in precedenti articoli. 

I diplomi li rilascia la scuola; le certificazioni le possono rilasciare solo gli enti in possesso dei requisiti per la certificazione: il resto sono attestati di partecipazione o di competenza. 

Abbiamo letto improbabili pubblicità anche si social in cui delle associazioni vendono certificazioni riconosciute dal Coni. Vogliamo iscriverci al corso per capire cosa , oggettivamente , rilasciano e chiedere loro da quando il Coni rilascia certificazioni per corsi effettuati dalle associazioni sportive. L'ho chiesto a una di loro, prima dell'iscrizione: non mi hanno più risposto. 

Ecco il link di riferimento per la normativa regionale Lombardia: 

http://normelombardia.consiglio.regione.lombardia.it/NormeLombardia/Accessibile/main.aspx?view=showdoc&iddoc=lr002014100100026

 

@arrighikatia

@bulgheronialessandra

Leggi i commenti

Progetto alternanza lavoro con lo sport al Liceo Giovio di Como #alternanzascuolalavoro #liceoscientifico #giovio #como @Como, Italy

Leggi i commenti

Su